Foresta Fossile, la ‘Surgente’ gestirà il centro di paleontologia: idee e progetti per il futuro

AVIGLIANO UMBRO – 22 giugno 2018 –  In data 14 giugno 2018, il responsabile dell’area servizi generali del comune di Avigliano Umbro, ha emesso un atto in cui viene concessa ufficialmente la gestione del centro di paleontologia della Foresta Fossile alla Surgente Soc. Coop. determina comune di avigliano umbro affidamento gestione centro di paleontologia.

La nota stampa  della ‘Surgente’: “C’è voluto più di un anno d’intenso lavoro, di studio e dettagliata progettazione, ma adesso, finalmente, possiamo orgogliosamente dirlo: la Foresta Fossile tornerà a vivere, come non ha mai fatto negli ultimi quarant’anni!

Un’iniziativa di Massimo Manini (nella foto sotto) A ideare e a volere questo importante progetto di rilancio, è stato Massimo Manini, autore, attore e regista di teatro, documentari e cinema, che assieme ad altri stretti e preparatissimi collaboratori, ha dato vita ad un gruppo di lavoro fortemente motivato per creare Surgente, la Società Cooperativa di Comunità, che grazie ad un innovativo e ambizioso progetto, si è aggiudicata l’appalto per la gestione del sito paleontologico più esclusivo al mondo: la Foresta Fossile di Dunarobba.

Un progetto a 360° L’idea infatti, che ha trovato subito l’entusiastico consenso della Provincia di Terni, della Sovrintendenza dell’Umbria e alcuni docenti dell’Università di Perugia, sta nel far ruotare attorno alla Foresta Fossile, un “progetto artistico, culturale ed economico” mai pensato e realizzato prima, che non dialoga solo col territorio aviglianese e quello dei comuni circostanti, ma che strizza l’occhio ad una visione molto più Europea. Lo farà per 365 giorni all’anno, offrendo una decisa ventata di nuovo e un forte impulso all’economia locale, che va oltre il semplice “sbigliettamento” adottato fino adesso dalle precedenti società, che negli anni si sono limitate ad una modesta gestione del geosito, portando la Foresta Fossile dell’ultimo decennio ad un tracollo storico delle presenze turistiche mai registrate prima.

Idee innovative Quello diretto da Massimo Manini e dal suo team di lavoro, infatti, composto da seri professionisti, è un progetto innovativo “modernamente antropologico”, dinamico, nuovo, articolato e soprattutto interdisciplinare, dove educazione ambientale, ricerca, arte e spettacolo, scienza, territorio e cultura, convivono non solo per incrementare il volume delle presenze turistiche, ma per dare una svolta culturale e imprenditoriale al piccolo e giovane comune delle “Terre Arnolfe” proiettando Avigliano Umbro al centro di una visibilità mai avuta precedentemente.

“Rilanciare il territorio”Un vero e proprio volano per tutte le realtà circostanti, quello ideato da Surgente: un progetto “ambiziosamente pilota” che intende “fare scuola” a quelle realtà comunitarie che intenderanno attuare un rilancio del proprio territorio: da qui ai prossimi “8 anni + 1”, tanto è la durata dell’appalto vinto dalla “prima” Cooperativa di Comunità dell’Umbria a gestire un progetto di questa entità e importanza d’obiettivi a portata internazionale. “Novità nella novità” infatti, è proprio la costituzione di una Cooperativa di Comunità: una forma associativa assolutamente nuova per l’Umbria, ma che in altre regioni ha portato risultati straordinari, creando lavoro e tutela del territorio, ridisegnando in modo “lungimirante” il rispetto del paesaggio.

Merchandising Il restyling infatti ideato per il geosito di Dunarobba, spazierà dalla comunicazione in 4 lingue a un rinnovato e accativante merchandising; dalla realizzazione di un nuovo profilo Facebook e Linkedin, alla costruzione di un più aggiornato sito web: fino all’attivazione di un’esclusivo canale youtube sul quale settimanalmente verranno pubblicate “video-pillole” inerenti a curiosità scientifiche sulla Foresta Fossile e sul territorio che la ospita. Per non parlare degli straordinari tronchi, sui quali è già stata presentata una bozza di progetto architettonico alla Sovrintendenza e sulla quale si sta già lavorando, per restituire al geosito quella visione d’insieme originale, che le “antiestetiche capannine in lamiera” poste loro sopra, hanno profondamente deturpato.

 

Un prossimo incontro pubblico I dettagli, che qui non vengono anticipati, vedranno prossimamente un primo incontro pubblico ideato per presentare il programma e la sua tempistica di realizzazione alla comunità, a cui è diretto in primis questo progetto, coinvolgendo direttamente le singole persone, le associazioni e tutte le attività imprenditoriali e commerciali locali, necessarie per la realizzazione e il compimento di esso. Ma gli incontri di presentazione continueranno subito dopo, coinvolgendo i diversi settori, pubblici e privati, con la Conferenza Stampa ufficiale che verrà effettuata nel Palazzo della Provincia di Terni ed altre presentazioni di settore presso la sede della Confcooperative di Terni e quella della Regione Umbria, a Perugia.

Una ‘nuova vita’ perla Foresta Fossile dal 1° luglio Insomma, a partire dal 1° luglio, la Foresta Fossile “comincerà a muoversi”, “tornando ad essere più viva che mai”: e con essa il suo intero territorio, che Surgente “sta rimettendo operosamente in moto”, sostituendo coi fatti le tante chiacchiere che in 40 anni l’hanno “pietrificata”. Comprese quelle “dell’ultima ora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *