Il progetto Surgente in tre serate: ieri la prima dedicata al rilancio culturale

AVIGLIANO UMBRO – 12 Settembre 2018- Nella serata di ieri, 11 Settembre 2018, si è tenuta nel teatro comunale la prima delle tre serate in cui la Cooperativa di Comunità Surgente spiegherà alla comunità il suo progetto di rilancio della Foresta Fossile e la sua idea di “muselizzazione” del territorio circostante. L’evento di ieri ha avuto come tema chiave il rilancio culturale, ed era indirizzato principalmente alle Pro Loco, alle associazioni e ai comitati del territorio, oltre che, naturalmente, a tutta la comunità aviglianese e non.

Le parole del sindaco Ad intervenire prima dell’inizio della presentazione è stato il sindaco Luciano Conti, il quale ha sottolineato con grande enfasi l’importanza di “un progetto che possa dare vita ad una “nuova” Foresta Fossile, che è un bene inestimabile e raro, da tutelare e salvaguardare. Sono molto fiducioso nel lavoro di Massimo Manini (presidente della Cooperativa Surgente) e di tutti i suoi collaboratori. Mi auguro che le loro idee vadano in porto, in modo da poter ridare vita al nostro territorio.”

Il progetto di Surgente per la Foresta Fossile La presentazione del presidente di Surgente Massimo Manini è partita dal perno centrale sul quale si basa tutto il progetto della Cooperativa: la Foresta Fossile di Dunarobba. “Qui – spiega Manini – l’idea è quella di migliorare ciò che già abbiamo, come la possibilità di visitare la foresta, il museo della miniera e il Centro Studi Piero Gauli, integrandolo con delle novità: attività e laboratori didattici per le scuole, eventi e convegni. A Novembre, infatti, ci sarà un convegno medico organizzato in collaborazione con Avigliano Salute di Elena Marcucci.”

Copertura dei tronchi e parco tematico “Altri due progetti importanti – prosegue Manini – riguardano l’eliminazione delle capannine in lamiera che proteggono i tronchi, che verranno sostituite da apposite strutture in grado di preservarli nel migliore dei modi, e la creazione di un parco tematico. La nostra idea è di costruire in questo parco un piccolo anfiteatro per realizzare rassegne di teatro e cinema all’aperto; portare a Dunarobba la realtà aumentata, per far entrare a stretto contatto le persone con quello che in passato era presente in questa zona; creare degli spazi ricreativi, punti ristoro e area relax, che comprenderanno toilette, primo soccorso e accesso alla rete Wi-fi: qui, ognuno potrà comodamente entrare gratuitamente e trascorrere qualche ora in tranquillità.”

L’Eden Project di Cornovaglia In merito alla copertura dei tronchi, il progetto che ha in mente la Cooperativa Surgente si basa sull’Eden Project di Cornovaglia (nella foto sotto), nel sud-ovest del Regno Unito; è un sito in cui sono presenti due enormi biosfere, che contengono circa 100.000 tipi di piante provenienti da tutto il mondo. “L’idea di Surgente è di proteggere e tutelare i tronchi coprendoli con delle “cupole” simili, che possano garantire un clima adatto alla loro conservazione.”

Il MOFF’art L’altro grande progetto che ha in mente Surgente – spiega Massimo Manini – è la creazione di un vero e proprio museo a cielo aperto, che abbiamo deciso di chiamare Moff’art (Museo Open della Foresta Fossile / ambiente, ricerca, territorio). Un’idea di musealizzazione del territorio pensato attorno al geosito di Dunarobba. 50 km quadrati di pura bellezza e storia. Ad oggi il MOFF’art comprende tre pacchetti: il primo è quello del percorso scientifico, riguardante la visita della Foresta Fossile, del Centro Studi Piero Gauli e del museo della miniera. Il secondo pacchetto è dedicato al percorso artistico; sarà possibile visitare ad Avigliano le chiese della Santissima Trinità, di Madonna della Grazie e Palazzo Vici,  per ammirare i numerosi affreschi presenti. Il terzo pacchetto invece concerne il percorso naturalistico: una vera e propria full immersion nelle bellezze paesaggistiche del nostro territorio: la Fortezza Alta, il castello di Sismano, la zona di Civitella, ma anche Santa Restituta, la Grotta Bella, il borgo di Toscolano, la Para, il CET di Mogol; tornando ad Avigliano poi, il teatro naturalmente, l’unico teatro liberty dell’Umbria; e ancora, la torre dell’orologio, i murales di Avigliano Variopinto. L’idea chiave su cui si basa il MOFF’art è di dare risalto alle bellezze che ci circondano, rivalutandole, rinnovandole e farle diventare dei luoghi attrattivi e unici.”

Ricordiamo che questa sera alle ore 21:00, presso il teatro comunale, ci sarà la seconda serata di presentazione del progetto Surgente. L’evento di questa sera avrà come tema chiave il “progetto economico e sponsor” e sarà rivolto nello specifico ai commercianti e agli imprenditori, oltre che a tutte le persone che intenderanno partecipare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *