Presentazione Surgente, nell’ultima serata ‘albergo diffuso’ in primo piano

AVIGLIANO UMBRO – 14 Settembre 2018 – Si è conclusa ieri sera, 13 Settembre 2018, la tre giorni dedicata alla presentazione del progetto della Cooperativa Surgente. Nel primo incontro, dedicato a Pro Loco, associazioni, comitati e gruppi, l’argomento preso in esame è stato il rilancio culturale: la seconda serata, invece, ha riguardato l’analisi del progetto economico e degli sponsor; ieri sera, in conclusione, si è parlato del progetto “albergo diffuso”. A spiegare di cosa si tratta, come nelle serate precedenti, è stato il presidente di Surgente, Massimo Manini.

Che cos’è e perché adottarlo “L’albergo diffuso – spiega Manini – consiste nell’utilizzare le stanze,  gli appartamenti, le depandance, ovviamente inutilizzate, di coloro che vorranno metterli a disposizione dei visitatori che si recheranno nel nostro territorio. Ad esempio, un visitatore che vuole visitare Avigliano, Toscolano e Santa Restituta può farlo senza dover affittare una camera d’hotel in posti lontani; può usufruire di questi spazi messi a disposizione dalla comunità, che fungono come dei classici bed and breakfast. Il perché utilizzare l’albergo diffuso è dato da vari motivi: innanzitutto, per sopperire alla mancanza di strutture ricettive sul territorio; poi, perché può essere inserito all’interno dei pacchetti del MOFF’art e rendere l’esperienza sul territorio ancora più completa;inoltre, è un progetto che può andare a limitare la costruzione di strutture alberghiere che possano andare ad intaccare la nostra terra.”

Chi può fare parte dell’albergo diffuso Prosegue Manini: “Del progetto possono farte proprietari privati che posseggono piccole stanze, appartamenti e case sfitte, o anche imprenditori di strutture ricettive. Una cosa importante è che la persona che vuole aderire al progetto di albergo diffuso deve essere socio della Cooperativa, e deve regolamentare, ordinariamente e straordinariamente, la manutenzione dei propri alloggi, che dovranno avere caratteristiche ben precise: dovranno, sicuramente, essere puliti, con degli arredamenti curati e offrire degli optional, come televisore, colazione e tutto ciò che possa rendere confortevole il soggiorno dei visitatori. Le tariffe delle strutture messe a disposizione saranno stabilite in base a diversi criteri: struttura, posizione, qualità dei servizi e degli optional offerti.”

Che cosa offre Surgente e quali sono i vantaggi “Ovviamente, il ruolo di Surgente sarà quello di aiutare coloro che vorranno aderire al progetto, e lo farà in diversi modi: in primo luogo, tramite la comunicazione e la pubblicità, promovendo al massimo le strutture in modo da attirare i visitatori; creando un servizio di prenotazioni on-line e desk, per velocizzare le fasi inerenti al riservare gli alloggi; poi, altro aiuto che Surgente può dare, è accompagnare direttamente gli ospiti nelle strutture, evitando quindi che “l’albergatore” debba spostarsi. Successivamente Manini ha spiegato quali sono i vantaggi che si possono ottenere adottando il sistema dell’albergo diffuso: “innanzitutto, il livello di turismo si può innalzare fortemente, e si verificherà di conseguenza un grande sviluppo e un’altrettando grande crescita del territorio. Ci auspichiamo davvero che il progetto dell’albergo diffuso possa diventare una realtà concreta e condivisa da tutti.”

Quando cominciare Nelle battute finali dell’incontro, il presidente di Surgente ha voluto indicare l’inizio della messa in atto dell’albergo diffuso, in base a quanti aderiranno al progetto: “Crediamo di poter iniziare già da Gennaio 2019, mettendo in atto le operazioni di comunicazione e pubblicità, diffondendo a macchia d’olio la notizia dell’avvio dell’albergo diffuso: questo dovrebbe portarci ad accogliere già i primi clienti intorno ad Aprile 2019, per poi auspicarci un “picco” di visitatori durante i mesi estivi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *