Rito di cittadinanza, gli alunni delle scuole esprimono le loro idee per un mondo migliore

AVIGLIANO UMBRO – 12 maggio 2018 -Una Piazza Piave gremita ha accolto questa mattina gli alunni della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di Avigliano Umbro e Sismano per il “rito di cittadinanza”. La manifestazione è iniziato intorno alle 9.30 con la partenza dei  bambini dal piazzale antistante le scuole. Ad accompagnare il tragitto degli studenti fino alla Piazza Piave, è stata la banda musicale di Avigliano Umbro.

Le autorità scolastiche La cerimonia è iniziata con il ringraziamento da parte delle autorità scolastiche “ai vari enti e alle varie associazioni che hanno permesso la realizzazione dell’evento, come la Pro Loco di Avigliano Umbro, la C.R.I, la Protezione Civile, la S.F.A.U., il comitato del rione Madonna delle Grazie, la parrocchia ed ovviamente anche il Comune di Avigliano Umbro.”

Il sindaco  Successivamente ha preso la parola il primo cittadino di Avigliano Umbro Luciano Conti, che ha ringraziato i numerosi cittadini presenti: “Non c’era dubbio che la presenza a questa manifestazione sarebbe stata massiccia: in questo tipo di cerimonie si crea sempre un importante connubio tra genitori, figli e nonni. Il rito di cittadinanza è un evento che deve aiutarci a far riflettere, soprattutto sul futuro, rappresentato da tutti questi studenti che abbiamo di fronte; è bene dunque dedicare tempo e impegno a preservare e a rendere sempre più roseo il nostro futuro.”

Le varie iniziative degli alunni Lo spettacolo è poi proseguito con le esibizioni canore e danzanti dei bambini della scuola dell’infanzia della scuola primaria, i quali, supportati e aiutati dai loro insegnanti, hanno toccato temi molto importanti come il diritto al futuro, l’uguaglianza e la costituzione italiana . Successivamente, hanno preso la parola i ragazzi della scuola secondaria (anche in questo caso supportati e aiutati dai loro professori): i temi da loro esaminati e rappresentati sono stati quelli della comunicazione, del lavoro e della tradizione. La classe 1°D della scuola media ha realizzato dei giochi popolari (con l’aiuto della famiglia Franchini) in Piazza Piave. La 2°D  (sempre della scuola media) ha invece ideato dei progetti inerenti il lavoro minorile, esposti presso la biblioteca comunale. La classe 3°D (sempre della scuola media), diretta da Massimo Manini, ha invece prodotto un video sulla comunicazione e sulle difficoltà che al giorno d’oggi minano questo campo; il filmato è stato proiettato presso il teatro comunale. Con questi tre progetti si è concluso il “rito di cittadinanza”, appuntamento ormai consolidato nelle scuole del comprensorio, che stimola la comunità a riflettere sull’importanza di valori e tematiche che devono rendere il futuro, e per certi versi anche il presente, tranquillo e soddisfacente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *