Eventi

La giornata in onore delle vittime degli incidenti sul lavoro a Terni. Le musiche della S.F.A.U. e gli interventi istituzionali

625

TERNI – Ieri mattina a Terni si è celebrata la 67° esima giornata in onore delle vittime degli incidenti sul lavoro. L’iniziativa è stata organizzata dall’A.N.M.I.L. sezione di Terni, ed ha visto la partecipazione della S.F.A.U. di Avigliano Umbro.

Alle ore 9 c’è stato il ritrovo dei partecipanti a Piazzale Bosco nel Monumento dei Caduti sul Lavoro: depositata una corona d’alloro.

Successivamente il corteo, accompagnato dalle musiche della banda di Avigliano, ha attraversato il centro di Terni per arrivare fino a Palazzo Gazzoli. In rappresentanza del Comune di Avigliano c’era l’assessore Daniele Gentili, oltre a membri della Protezione Civile e della Croce Rossa di Avigliano.

Durante il tragitto, in piazza Tacito, si sono potuti vedere i maratoneti che partecipavano al ‘Circuito dell’Acciaio’.

A Palazzo Gazzoli, il saluto delle autorità istituzionali presenti: il presidente dell’Anmil di Terni Giovanni Baccarelli, l’assessore regionale ai trasporti Giuseppe Chianella, il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo, e il Prefetto della Città dell’Acciaio dottor Paolo De Biagi. Sono intervenuti poi il primo cittadino di Monteleone d’Orvieto Angelo Larocca, l’assessore Benedetta Baiocco per Montecastrilli, l’assessore Daniele Gentili di Avigliano Umbro, l’assessore Sensini del comune di Amelia,  e un rappresentante del comune di Narni.  All’iniziativa era presente anche l’assessore Claudio Ricci di Acquasparta. Tutti coloro che hanno parlato, hanno evidenziato come questa importante giornata n, è stata un momento di confronto e di impegno per sviluppare ancora di più la cultura delle prevenzione degli incidenti sul lavoro.

Come detto, la banda di Avigliano Umbro, diretta dal maestro Paolo Raspetti, ha eseguito diversi brani: Albula, Francesca, Rosita, Vera, Casvento, American Express, oltre ad un momento solenne con l’inno di Mameli.

Sotto, una foto gallery relativa all’iniziativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *