Trasporti pubblici, dall’11 settembre si torna alla normalità

Perugia – 31 agosto 2019 – “Dal prossimo 11 settembre, in coincidenza con la ripresa delle attività scolastiche, tutti i servizi di trasporto su gomma sospesi dallo scorso mese di luglio saranno interamente ripristinati”. Parole dell’assessore regionale ai trasporti Giuseppe Chianella, il quale venerdì mattina scorso (30 agosto, ndr), nel corso dell’incontro richiesto dalle organizzazioni sindacali del settore che si è svolto nella sede regionale di piazza Partigiani (foto di copertina), ha confermato il ripristino delle corse precedentemente cancellate.

“Promessa mantenuta, ora il futuro” “La Regione Umbria – prosegue Chianella -, attraverso lo stanziamento di risorse aggiuntive, la sospensione e la razionalizzazione per questi due mesi di alcune corse su tutto il territorio regionale, è riuscita a recuperare i finanziamenti necessari, circa 15 milioni di euro, per riequilibrare i conti del 2019. Era una promessa che avevamo fatto agli umbri ed anche ai lavoratori del settore ed è una promessa che abbiamo mantenuto, smentendo così le tante ‘cassandre’ che prevedevano tagli fino alla fine dell’anno. Adesso stiamo lavorando per il futuro che inizia dal 1° gennaio 2020. Proprio in queste settimane speriamo di chiudere il percorso con l’Agenzia delle Entrate sulla questione relativa al pagamento dell’Iva da parte della costituenda Agenzia regionale per il trasporto. Se il tutto andrà a buon fine, e lo sapremo probabilmente nel prossimo mese di ottobre, il sistema del trasporto su gomma dovrebbe alleggerire il proprio bilancio di circa 8 milioni annui che diventano fondamentali per la prosecuzione e per la gara di affidamento del servizio che andremo a svolgere, così come previsto”.

“Adesso ‘tavolino’ con enti locali” “Accanto a questo importante risparmio sull’Iva – aggiunge l’assessore ai trasporti – la giunta regionale predisporrà anche uno schema di previsione degli stanziamenti necessari sia a carico della Regione che degli enti locali, province e comuni, che sono i reali affidatari del servizio. E questo sarà necessario per far diventare strutturali le risorse aggiuntive che la Regione ha stanziato per l’anno corrente. A questo proposito una prima interlocuzione con gli enti Locali la avremo fin dalla prossima settimana. È evidente che per preparare al meglio la gara che affiderà il servizio per i prossimi anni, è necessario il contributo di tutti i soggetti interessati. Ed in questo versante dovremo anche sollecitare il Governo ed il parlamento perché aumentino la dotazione finanziaria del fondo nazionale dei trasporti. Il trasporto pubblico – conclude Chianella -, dopo la sanità è il servizio più sensibile e più vicino alla vita quotidiana delle persone e dunque merita ogni attenzione perché sia svolto al meglio e dia quelle risposte che i cittadini si attendono”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *