Cronaca

Approvata dal Senato una legge sui piccoli comuni sotto i 5 mila abitanti, tante novità in arrivo

458

Approvata ieri, giovedì 28 settembre 2017, in Senato, una legge che tutela i piccoli comuni italiani che non superano i 5 mila abitanti.

Anche Avigliano, quindi, rientra in questa nuova norma che ha avuto 205 voti a favore, e 2 astenuti.

L’obiettivo del legislatore è quello di favorire azioni di ripopolamento, soprattutto nelle zone interne.I dati demografici, infatti, dicono che i piccoli comuni, dal 1971 ad oggi hanno avuto un calo dei residenti pari a oltre il 20%.

I comuni sotto i 5 mila abitanti, quindi, sono un patrimonio da tutelare in quanto, rappresentano, e lo dice l’Istat “il 54 % del suolo italiano e il 69% totale dei Municipi”

Entrando nel dettaglio, la nuova legge prevede un fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale. Ci sono 100 milioni di euro elargiti ai piccoli comuni: nella fattispecie sono 10 per il 2017, e 15 negli anni che vanno dal 2018 al 2023.

Per quanto riguarda i piani di intervento, la legge ne specifica diversi.In primis, il recupero dei centri storici, ovvero l’individuazione di zone di particolare pregio relative ad architettura e cultura. I piccoli comuni possono riqualificare degli edifici e delle case abbandonate: tali iniziative possono essere svolte anche in collaborazione con le diocesi della chiesa cattolica presente sul territorio.

C’è una novità sulla wifi, con la possibilità di avere dei finanziamenti per la realizzazione della banda ultralarga.Inoltre, le tasse e i tributi, se i paesi  sono sprovvisti di un ufficio postale, potranno essere pagati negli esercizi commerciali del luogo.

Un accordo tra Anci, Fieg, e i rappresentanti delle agenzie di distribuzione dei quotidiani, garantisce la vendita dei giornali anche nei comuni con meno di 5 mila abitanti.Un altro aspetto fondamentale è relativo alla promozione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari del territorio: la legge specifica che possono essere create dei veri e propri mercati agricoli, in cui si vendono i prodotti della filiera corta a km 0.

Un tema riguarda poi la promozione di iniziative cinematografiche e culturali. Ogni anno, il Ministero della Cultura, d’intesa con l’Anci, le Regioni e le Film Commission Regionali, si farà garante della realizzazione di iniziative di questo tipo nei piccoli paesi sotto i 5 mila abitanti.

C’è un piano generale dei trasporti che riguarderà il collegamento dei paesi alle scuole del territorio, e l’informatizzazione e la digitalizzazione degli istituti scolastici.La nuova legge approvata dal Senato, promuove l’istituzione, in forma associata, di centri relativi a servizi ambientali, sociali, energetici, scolastici e postali.

Il relatore della legge, il senatore Pd Stefano Vaccari ha detto, tra le altre cose, nel suo intervento: “ Il testo prevede che ci sia la distribuzione facilitata dei farmaci per le fasce più deboli ed, inoltre ci sono a disposizione fondi per contrastare il dissesto idrogeologico, mediante la stipula di contratti con gli imprenditori agricolo- forestali del territorio”.

Questi, i principali temi della normativa approvata ieri: staremo a vedere l’impatto che avrà sui piccoli, compreso Avigliano Umbro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *