Un Aviglianese D.O.C.

Francesca Catalucci, la pallavolo nel cuore La storia della schiattrice-ricevitrice aviglianese

1.486

Oramai è indubbio: ad Avigliano ci sanno proprio fare nello sport. Se Emanuele Conti, è il vice campione mondiale delle maratone di kettlebell  e se il  Real Avigliano o il Castigliano si distinguono nei vari campionati calcistici locali, c’è anche un’altra atleta in paese che sa il fatto suo e che alimenta la fama sportiva di Avigliano.
Classe 1988, Francesca Catalucci è una pallavolista che fin da piccola gioca nelle categorie B1 e la B2 femminile.

Francesca ha iniziato con il volley quasi per caso: «Perché a pensarci su, da bambina preferivo giocare a calcio – commenta – e se mi sono avvicinata a questo sport, che pratico a buoni livelli da quando avevo nove anni, è stato solo per seguire mia sorella, Alessandra. Non per altro».

Una scelta che si è rivelata però, vincente e che è cominciata nelle fila delle giovanili dell’Amerina. «All’inizio facevo minivolley, poi dopo alcune stagioni passate ad Amelia, sono passata nella squadra under18 – racconta Francesca – e in quel momento, sono arrivate le prime vittorie durante i campionati provinciali giovanili». E in quelle partite, Francesca si è rivelata nella sua forza di schiacciatrice-ricevitrice. Non è un caso se subito dopo è arrivato lo scatto in prima squadra. «Mi sono ritrovata a giocare con ragazze più grandi di me e devo ammettere – confessa ancora – che è stata un’ineguagliabile fortuna; insieme a loro sono cresciuta moltissimo e soprattutto ho avuto modo di migliorare la mia tecnica in campo e con il gruppo». La pallavolo del resto è un gioco di squadra e il saper stare insieme, condividere azioni e tattiche, vittorie e sconfitte «è il bello di questo sport», conferma Francesca, mentre ricorda l’esperienza al torneo delle Regioni, in cui ebbe l’onore di essere il capitano.

Una leader e una compagna di squadra che non ha mai avuto esitazioni sul suo ruolo in campo. «Anche se molti allenatori volevano farmi diventare una palleggiatrice, mi sono sempre opposta – precisa – perché agisco sempre da schiacciatrice-ricevitrice». Orgogliosa, sicura e scattante, Francesca Catalucci da buona aviglianese si è fatta strada e ha trovato nella pallavolo la sua giusta strada, partendo per caso e dal niente coniugando studio e sport, senza alcun timore. «Ho vinto quattro campionati, con tre promozioni in B2 e una in B1, la terza categoria del volley più importante dopo la A1 e l’A2. Il ricordo che conservo ancora nel cuore, è quello dello scorso anno, quando insieme alle mie compagne di squadra dell’Acquasparta, siamo salite dalla serie C alla B2» (nella foto a sinistra, Francesca insieme alle ragazze dell’Acquasparta che hanno vinto il campionato di serie C)
Eppure i sacrifici non sono mancanti per arrivare a tanto «e senza l’appoggio della mia famiglia – ci tiene a spiegare – non sarei arrivata così in alto». Ma il futuro non la spaventa e affronta a testa alta stagione dopo stagione. Progetti in vista? Continuare in B2 con l’Acquasparta: «Una squadra nuova, molto giovane che affronta ora un torneo ostico. A tal proposito, invito tutti gli sportivi aviglianesi a seguirmi sabato 29 aprile al palazzetto di Acquasparta. Giocheremo alle 17.30 l’ultima partita della stagione in casa e dovremmo fare di tutto per vincere per raggiungere la salvezza».  Immancabile l’invito di Francesca a tutti gli aviglianesi che negli anni l’hanno sempre seguita (la foto sopra è una dimostrazione) sugli spalti e che non mancheranno anche per questa occasione.

Francesca non è però la sola aviglianese nella squadra di Acquasparta, ci sono altre due ragazze giovanissime: Irene Brunetti e Cecilia Badoglio, che Francesca si augura di veder crescere nei campi di volley un giorno, proprio come ha fatto  lei che ha passato tutto la sua vita sotto rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *