Eventi

Il duo Venturi- Contili ha chiuso la ‘Festa della Musica’ Un bilancio molto positivo per la kermesse organizzata dal Comune

853

Ultimo concerto della ‘Festa della Musica’ sabato 21 gennaio nel teatro di Avigliano  con il duo formato dal pianista Marco Venturi e dal clarinettista Francesco Contili.

Un evento organizzato dal Comune di Avigliano Umbro, in collaborazione con la Pro Loco, la Croce Rossa, la S.F.A.U. (la banda) e la scuola di musica di Avigliano: come detto, due giorni fa i due protagonisti  sul palco sono stati  Marco Venturi e Francesco Contili che hanno proposto al numeroso pubblico presente in sala brani di George Gershwin riarrangiati per clarinetto e pianoforte. Un viaggio musicale di circa un’ora e mezza che ha allietato gli spettatori, i quali si sono dimostrati fin da subito molto interessati all’evento.

Prima che i due ‘maestri’  iniziassero le loro musiche, c’è stata una prefazione di Don Mario Venturi, ex parroco di Avigliano Umbro nonché ex docente al conservatorio ‘Morlacchi’ di Perugia, il quale ha dato delle informazioni su George Gershwin, fornendo nello stesso tempo alcune curiosità sul compositore, pianista e direttore d’orchestra statunitense.

Tra i brani più conosciuti che hanno allietato il pubblico, c’è stato ‘Rhapsody in Blu’: uno dei pezzi più popolari realizzati dalle orchestre di tutto il mondo che il duo Venturi – Contili ha eseguito in maniera impeccabile.

Alla fine del concerto, è intervenuto il consigliere di maggioranza Luca Longhi (nella foto a sinistra), il quale ha ringraziato tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questa edizione della festa della musica. In particolare ha elogiato i consiglieri Manlio Bertoldi e Angelo Melari che insieme a lui hanno organizzato questi concerti, sottolineando anche il ruolo fondamentale delle associazioni come ad esempio la Pro Loco e la Croce Rossa.  Una citazione di particolare di encomio anche a Don Mario Venturi per il suo importante contributo alla manifestazione.

“La speranza è – ha concluso Longhi – che ci siano sempre più manifestazioni culturali in paese da realizzare, in quanto i cittadini gradiscono molto questi eventi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *