Provincia di Terni

Lugnano in Teverina, il ricordo della battaglia di Mentana

815

LUGNANO IN TEVERINA – 18 dicembre – L’iniziativa del Comune di Lugnano in Teverina Celebrato sabato scorso a Lugnano il 150esimo della battaglia di Mentana del 1867 con una giornata di iniziative culturali. Hanno partecipato a questo evento, riferisce il Comune, tutte le autorità civili e religiose del paese e soprattutto la Cosint (Corpi sanitari internazionali croce rossa garibaldina) con i suoi massimi esponenti nazionali e provinciali che ha donato beni alimentari alla parrocchia di Santa Maria Assunta e alla Caritas per le famiglie bisognose.Il comune di Lugnano con questa giornata ha reso omaggio a due concittadini che presero parte alle gesta garibaldine e alla campagna dell’Agro Romano: Dimiziani Roberto e Dimiziani Florindo. Florindo a Custoza si distinse per coraggio facendo addirittura dei prigionieri nemici e fregiandosi della medaglia d’argento al valore militare, mentre Roberto partecipò alla Campagna dell’Agro Romano fregiandosi della medaglia di bronzo.

Le voci dei protagonisti Dopo i saluti del Sindaco Filiberti ha preso la parola il generale Alessandro della Posta del Cosint che ha ringraziato per l’ospitalità ed ha illustrato le numerose attività in ambito nazionale ed internazionale. Quindi il professor Sergio Bellezza ha tenuto una conferenza sulla battaglia di Mentana dove parteciparono tantissimi volontari di Terni e provincia (tra cui anche i Lugnanesi) e dove Terni fu la città di base logistica della battaglia che fu il preludio alla liberazione di Roma qualche anno dopo.

La cerimonia Il Cosint con il generale Della Posta ha poi consegnato l’onorificenza “Aquila d’oro Crociata al merito” ai discendenti dei garibaldini lugnanesi: Dimiziani Luca Roberto e Dimiziani Maurizio, discendenti del garibaldino Roberto, mentre Dimiziani Dario è discendente di Dimiziani Florindo. Le stesse onorificenze sono state consegnate al sindaco Filiberti, al capogruppo di maggioranza Alessandro Dimiziani, al maresciallo dei carabinieri Mario Campanella e al professor Bellezza.Al Generale Alessandro della Posta il Comune di Lugnano ha conferito l’adozione onoraria di un ulivo della collezione mondiale.

Una corona per i caduti e l’inno di Mameli Dopo la conferenza la delegazione del Cosint e l’amministrazione comunale hanno deposto una corona al monumento ai caduti sulle note del Silenzio  e dell’inno di Mameli. La visita al Museo della Grande Guerra ha chiuso la prima parte della giornata. Dopo la degustazione delle specialità lugnanesi, il concerto natalizio dei Talenti d’arte ha concluso la manifestazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *