Sport

Real Avigliano, che ti succede ??

563

AVIGLIANO UMBRO – 22 ottobre 2017: è questa l’ultima vittoria, in ordine di tempo della  prima squadra della Real Avigliano, che sta attraversando un momento negativo.

Dentro al momento negativo Eppure le parole di Mattia Capaldini erano incoraggianti, dopo le due sconfitte consecutive conto il Colonia e l’Amerina. In sintesi, il difensore che allena i Piccoli Amici della società del presidente Brunetti, dichiarava che ‘la squadra ha tutte le potenzialità per uscire da questo periodo non buono, a patto di lavorare duramente’. Lavoro duro, certo, ma sembra che il momento negativo non stia passando. La formazione di Carlone, infatti, ha perso di misura per 1-0 sul campo del Terni Est: certo un ko ogni tanto ci può stare, ma l’amarezza è tanta.

Risultati non buoni e qualche riflessione La delusione di essere raggiunti sull’1-1 nel derby dall’Amc 98 a 10 minuti dalla fine, e il non riuscire ad emergere dalle zone medio basse della classifica, sono dei segnali che non vanno sottovalutati per il prosieguo del torneo. La squadra fa fatica soprattutto in zona offensiva: non riesce a capitalizzare in rete le palle gol che gli capitano durante l’incontro.

Giocatori validi per il campionato di Prima Crediamo che l’organico a disposizione di Massimo Carlone, sia buono per la categoria. Non è una frase fatta, ma bisogna dare di più. E’ giusto pretendere un rendimento maggiore in campo dai giocatori: molti di loro che sono stati protagonisti nella scorsa stagione sono stati riconfermati, altri ne sono arrivati con esperienza in Prima Categoria e giovani di belle speranze.

L’unione fa la forza Bisogna solo ritrovare l’appuntamento con la vittoria, che manca, come detto dal 22 ottobre: la Real Avigliano è stata capace di battere con un secco 3-0 in casa la capolista Superga’48. Questo dimostra che nel suo Dna ha le capacità per uscire da questo momento negativo. Tutti i giocatori devono sudare, restare uniti, e lottare per questa maglia. Ripartire dal gruppo, dalle motivazioni forti per far bene in ogni partita considerandola una finale, sono le medicine migliori per ‘guarire’ questa mancanza di successi, che può essere risolta già da domenica, battendo in casa il Sangemini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *