Sogno o son desto?    L’importanza del sonno e dei sogni

413

Avigliano Umbro, 30 Novembre 2023 – Partire dalla celebre frase di Cartesio è d’obbligo. Il sonno ha da sempre rappresentato nella mente umana un momento di riposo e rigenerazione profonda, l’evidenza delle neuroscienze e della psichiatria dimostra il contrario.

Un po’ di storia: colui che per primo trattò ed elaborò il tema del sonno e dei sogni fu lo psichiatra Freud che, con la pubblicazione de “L’interpretazione dei sogni” (1899), descrisse il sogno come “prodotto dell’attività della mente”, dimostrando che durante il sonno vi è un’attività cerebrale al pari di quella presente durante la veglia, ma più concentrata. Gli studi successivi hanno confermato quanto descritto dal filosofo avvalendosi di moderni strumenti diagnostici e di screening.

Il sonno e le sue fasi: il sonno viene definito come stato di riposo contrapposto alla veglia, caratterizzato da una sospensione temporanea dello stato di coscienza e volontà durante il quale le funzioni neurovegetative rallentano. Tutto ciò permette la rigenerazione e il recupero di energie. Nonostante il sonno sia rappresentato da un apparente stato di quiete, in questa fase avvengono complessi cambiamenti a livello cerebrale, per citarne alcuni vi sono delle cellule cerebrali che in determinati momento del sonno hanno un’attività 5-10 volte maggiore rispetto a quella che hanno in veglia.
Il sonno è diviso nelle fasi REM e non-REM che si ripetono in maniera ciclica ogni 90 minuti.

Fase REM e non-REM: REM è l’acronimo di Rapid Eye Movements, cioè movimenti rapidi degli occhi. La fase REM è caratterizzata da rigidità muscolare e da movimenti molto veloci degli occhi. La fase non-REM è il momento del pensiero “razionale” in cui il corpo si trova in una sorta di limbo tra sonno e veglia, vi è la presenza di alcuni movimenti, seppur involontari, non si è coscienti della realtà, ma non si è neanche in una fase di completo abbandono. La maggior parte del sonno viene trascorso proprio in tale fase e solo nella parte finale della notte si passa al sonno REM. Quando si entra in tale stato il corpo, precedentemente non-REM, di colpo si irrigidisce e gli unici organi a muoversi sono gli occhi. Questo è il momento in cui iniziamo a sognare ed i movimenti che avvengono nei sogni sono pura percezione in quanto nella realtà siamo bloccati. L’impossibilità di movimento è garantita da specifici neuroni motori presenti nel tronco encefalico che impediscono la comunicazione con i neuroni del midollo spinale preservando la staticità del corpo.

L’importanza dei sogni: Il sogno ha funzioni estremamente importanti in questa infatti è qui che la nostra mente confronta e aggiorna i fatti che ha fissato nella memoria con quelli del passato e in qualche modo rinnova il ricordo delle nostre esperienze, modificandole.

Perché non ricordiamo i sogni: Non ricordare i sogni è un fatto molto comune. Per ricordarli dovremmo svegliarci nel momento in cui sogniamo, quindi nella fase REM. Anche i sogni che si fanno al mattino e quindi più propensi al ricordo vengono difficilmente “immagazzinati” per lungo tempo.

Conclusioni: è indubbiamente di fondamentale importanza rispettare le fasi del sonno, cercando di completarle tutte senza interromperle, per garantire uno stato sufficientemente ristorato del corpo durante la fase di veglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *