Le voci e le emozioni di una magica Notte bianca

AVIGLIANO UMBRO – 5 agosto – Abbiamo realizzato un ‘viaggio’ all’interno della Notte Bianca di Avigliano Umbro (che si è svolta nella serata di ieri – 4 agosto 2018 . Cinque persone (tra cui il sottoscritto) raccontano quanto vissuto ieri nel centro storico di Avigliano. Tutti in giro fino a tarda notte con emozioni, e racconti diversi l’uno dall’altro.

Iniziamo da Chiara Paolucci, giovane ragazza aviglianese che su facebook scrive: “Questa mattina mi sveglio con la consapevolezza di avere partecipato, la scorsa notte, ad un evento a dir poco straordinario. Come tutti gli anni, e quest’anno forse anche di più, non sono mancate avversità, clima sfavorevole, critiche, polemiche, e tanta, tantissima burocrazia.

“Realizzato qualcosa di grande”Le avversità però rendono qualsiasi gruppo più unito, e la nostra forza è stata proprio l’unione: ognuno con il proprio ruolo, ognuno nel proprio piccolo, ha contribuito alla realizzazione di qualcosa di grande.

Grazie a chi ha organizzato, grazie a chi ha gestito, grazie a chi si è preso tantissime responsabilità, grazie a chi dalla mattinata di ieri ha dedicato il proprio tempo a costruire, montare, trasportare, grazie a chi il proprio tempo lo ha dedicato ieri sera rinunciando a non poche ore di divertimento per garantire la perfetta riuscita della taverna, degli stand, e della serata in generale.

Grazie perchè questa mattina, oltre alle consapevolezze, mi sveglio con un profondo senso di gratitudine ed appartenenza, nei confronti di questo piccolo paese, che con tante piccole persone riesce sempre a fare tanto. E noi, di questo tanto, possiamo andarne sempre molto FIERI”.

Mirko Venturi, presidente della Pro Loco: “La notte che per la maggior parte degli aviglianesi e non solo è la notte tanto attesa.. la NOTTE BIANCA..la notte della condivisione e dell’allegria..di tutti quei valori presenti in una comunità unita come la nostra..il giorno dopo per me è il giorno dei ringraziamenti..

“Le mie congratulazioni “ E allora vi dico GRAZIE.. grazie indistintamente a tutti..da chi ha organizzato questo spettacolo..a chi lo ha autorizzato..da chi lo ha gestito..a chi lo ha vissuto..insomma indistintamente GRAZIE a tutte le migliaia di persone che hanno reso questa serata una serata meravigliosa..senza tutti voi la Pro Loco non potrebbe mai realizzare tutto ciò  Ed ora andiamo avanti..che i festeggiamenti continuino fino a Ferragosto”

Mirko Piacenti Passiamo alla redazione di Avigliano News con Mirko Piacenti: “Anche quest’anno una notte bianca coi fiocchi: nonostante le condizioni meteo destassero qualche preoccupazione, alla fine tutto é andato per il meglio: fiumi di gente si sono riversati per le vie del paese, partecipando ai tantissimi spettacoli.

“Senso di appartenenza” Credo che in non molti paesi ci sia un senso di appartenenza come ad Avigliano; la Notte Bianca, e in generale l’intera festa, sono la dimostrazione del fatto che organizzare eventi così importanti è prima di tutto un piacere, oltre che un lavoro vero e proprio. Un progetto così grande coinvolge ogni anno centinaia di persone, dai ragazzi più piccoli fino alle persone anziane, unite insieme in una splendida ed efficiente macchina organizzativa capace di regalare una serata unica a migliaia di persone.

“I miei omaggi: è stato tutto molto bello!”Da cittadino, non posso fare altro che ringraziare i componenti della Pro Loco di Avigliano, le tantissime persone dello staff di Mille e una Notte, la Croce Rossa e la Protezione Civile, impeccabili nelle loro mansioni, gli addetti alla sicurezza e tutti coloro che hanno speso il loro tempo per rendere indimenticabile questa manifestazione. Ciò che è successo ieri sera dimostra che, quando un paese è legato come il nostro, non ci sono leggi o burocrazie che tengano. Grazie a tutti, è stato molto bello”.

Er Sagra Nicolò Sperandei, anche lui una delle ‘colonne portanti’ della redazione di Avigliano News afferma: ““La mia Notte Bianca, come di consueto, è iniziata alle ore 18:20 in taverna: qui, a differenza dello scorso anno, ho provveduto, insieme ad altri camerieri, ad asciugare i tavoli bagnati dal temporale estivo pomeridiano.

Folla in taverna Successivamente il cielo è rimasto, fortunatamente, solamente nuvoloso, schiarendosi in maniera definitiva durante le ore notturne, facendo così apparire le stelle. Il lavoro è iniziato verso le 19:40, con una letterale folla di persone che si accalcavano nei pressi dell’ingresso. Per me è stata una serata molto lunga con undici menù portati a termine ed un ottimo guadagno.

Visita ad uno stand Dopo aver terminato il servizio attorno a mezzanotte e mezza, mi sono recato, come da tradizione, ad assaggiare le ‘strappatelle alla contadina’ presso lo stand della Pro Loco di Sismano; sono rimasto però con un pugno di mosche in mano, poiché erano terminate. Poco male: ho preso il sugo (quello c’era ancora) e l’ho gustato con i manfricoli.

Per le vie del centro storico Dopo aver cenato, ho potuto finalmente visitare la notte bianca: uno spettacolo di eventi e colori che ogni anno mi sorprende sempre di più. Più volte ho effettuato il giro del paese per poter vedere tutti gli eventi presenti. La lunga nottata estiva aviglianese è terminata alle 6:00, con il classico cornetto insieme ad amici”

Il direttore di Avigliano News Per finire, i commenti del sottoscritto: “In questa edizione della notte bianca ho potuto ammirare ancor più da vicino tutti coloro che hanno dato vita agli eventi di ieri sera.Un percorso che parte da lontano, fatto totalmente in maniera volontaria. Nonostante il lavoro e la famiglia, giovani, ‘anziani’ e ragazzi hanno creato un gruppo forte e coeso. Riunioni, ultimi dettagli e poi via. E’ stato veramente uno spettacolo.

In giro fin dal mattino Da spettatore sono stato in giro per le vie del centro storico (vedi foto sotto) fin dal mattino. Innanzitutto dico che è bello farsi a piedi per tante volte su e giù Avigliano riscoprendo magari dei luoghi che superata l’infanzia si erano dimenticati. I ricordi affiorano nella mente, che però è lucida nel vedere la preparazione di addobbi, luci, e quant’altro per rendere la Notte Bianca pronta ad accogliere la gente.

“Si fa o no?”Il meteo, nel pomeriggio, ha fatto qualche ‘bizza’: pioggia per circa 3 ore. Per un alcuni istanti ho pensato ‘niente non si fa più?’. E’ un dilemma che si sono posti anche i volontari.

” I volontari e le associazioni un patrimonio da valorizzare” Dopo l’aiuto in taverna concluso intorno a mezzanotte, si fa rotta verso la Notte Bianca ad ammirare gli spettacoli. Un percorso lungo, concluso alle 6.30 del mattino, quando molti dei volontari (non tutti c’era chi doveva ancora svolgere lavori di pulizia) sono andati a godersi il meritato riposo. Il resto lo raccontano le foto, i video che si possono trovare in rete testimoniano il resto. La mia riflessione finale sull’evento è che Avigliano ha una forza da valorizzare: i tanti volontari e le molteplici associazioni che animano la vita di questo bellissimo paese!

Un pensiero riguardo “Le voci e le emozioni di una magica Notte bianca

  • agosto 5, 2018 in 4:12 pm
    Permalink

    Bravissimi tutti indistintamente. Notte bianca fantastica. Quest’anno posso dire che di controlli ce ne sono stati tanti ma,ne è valsa la pena. Avigliano merita e soprattutto gli Aviglianesi meritano di essere gratificati per la loro fatica e l’unione che li accomuna. Felicissima di aver scelto Avigliano. Grazie.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *