25 anni di D.R.A.S.T. e poi l’inaugurazione del parco giochi ‘Francesco Foschi’

AVIGLIANO UMBRO – 6 giugno 2019 – Verranno celebrati sabato 8 giugno i venticinque anni di attività della associazione D.R.A.S.T. di Avigliano Umbro. L’associazione, nata con lo scopo di creare un punto di riferimento per il primo soccorso e l’assistenza medica in una zona lontana da ospedali e altri centri di cura, ha visto negli anni un percorso di costante e duratura crescita che l’ha portata quest’anno a superare i 50 volontari che, in maniera del tutto gratuita, sono in grado di garantire assistenza 24 ore su 24.

Una storia di successi Nata nel lontano 1994 come un punto di riferimento socio-sanitario nel territorio di Avigliano e Montecastrilli, l’Associazione di Solidarietà D.R.A.S.T., acronimo di Dunarobba, Restituta (Santa Restituta), Avigliano, Sismano, Toscolano, ha inizialmente collaborato con la Croce Rossa Italiana per creare il comitato locale di Avigliano Umbro. Quando poi quest’ultimo ha dimostrato di poter camminare in autonomia, ha dato vita al progetto del Telesoccorso, con lo scopo di assistere le persone, specie anziani, sole. Ad oggi l’associazione è attiva anche nella gestione compartecipata di un autobus acquistato dai comuni di Avigliano Umbro e Montecastrilli, con l’obiettivo di trasportare  nelle varie scuole del territorio gli studenti diversamente abili, residenti nell’area pertinente.

Un servizio a 360° è quello offerto dalla D.R.A.S.T.. Lo scopo del telesoccorso infatti non si limita solo a garantire un’assistenza sanitaria, ma va ben oltre, permettendo a tutti coloro ne abbiano bisogno di contattare i volontari che poi si attiveranno per mettere in sicurezza la persona in pericolo. “Questo servizio – ci racconta Enrico Cricchi, presidente dell’Associazione Volontariato Solidarietà D.R.A.S.T. – ha lo scopo di garantire una sicurezza a 360° per tutte quelle persone che vivono da sole e non riescono a provvedere autonomamente ai propri bisogni. Grazie al nostro impegno infatti riusciamo a far vivere la propria vita agli anziani del posto che altrimenti verrebbero relegati in case di riposo, rappresentando un costo per i Comuni e la Società molto oneroso da sostenere, oltre che un “costo” psicologico per se stessi”. Il servizio di telesoccorso è attualmente operativo nel ambito territoriale numero 11 dell’Umbria (distretto Narnese-Amerino), comprendente ben 12 comuni, per un bacino di utenza di circa 70.000 persone. “Da quest’anno – continua il presidente Cricchi – è possibile collegare al servizio anche persone dal di fuori di questo distretto come ad esempio dai comuni di Baschi, Montecchio e addirittura da fuori regione”.

Un evento per i 25 anni di attività  Per festeggiare questi primi 25 anni di successi il prossimo sabato (8 giugno) alle ore 16.30, presso la Biblioteca Comunale di Avigliano Umbro  si terrà un convegno dal titolo “Il Telesoccorso come strumento di intervento per contrastare il disagio sociale degli anziani”.

In ricordo di Francesco Foschi A seguire poi verrà inaugurato il nuovo parco giochi intitolato a Francesco Foschi, fondatore e presidente della D.R.A.S.T.. Ci si sposterà dalla biblioteca fino a dietro la sede della ‘Croce Rossa’: l’Amministrazione Comunale di Avigliano ha ristrutturato l’area dell’ex campo di calcetto (che è diventato di erba sintetica) con la creazione di un’area dedicata a parco giochi: si è pensato di dedicare la struttura a uno dei promotori della nascita della C.R.I. di Avigliano, ovvero Francesco Foschi persona molto brava e dedita a moltissime iniziative di volontariato cittadino. Al taglio del nastro saranno presenti le autorità istituzionali e civili di Avigliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *