Un corteo per sensibilizzare i più giovani contro le mafie

SAN GEMINI – 23 marzo 2019 – Come accade da ormai tre anni, anche quest’anno, nella giornata nazionale in ricordo delle vittime contro la mafia (21 marzo), si è tenuto un corteo che ha visto impegnati gli studenti degli Istituti Comprensivi di Montecastrilli e di Acquasparta.

L’iniziativa La manifestazione organizzata da Libera, l’associazione contro la mafia e la corruzione, con la partecipazione dei Comuni di Montecastrilli, Acquasparta, San Gemini ed Avigliano Umbro e la Protezione Civile Intercomunale di Avigliano umbro-Montecastrilli,  ha visto impegnate le scuole di ogni ordine e grado dei 4 comuni umbri. Presente all’iniziativa anche l’Associazione Culturale “Il Laboratorio del Paesaggio” che ha guidato i ragazzi delle scuola dell’infanzia, delle elementari e delle medie di Avigliano alla realizzazione di diversi elaborati come cartelloni e striscioni. In particolare i ragazzi hanno preso parte ad un corteo per le vie di San Gemini, conclusosi presso la piazza principale della cittadina dove sono stati letti i nomi delle oltre 1000 vittime della mafia. La manifestazione, pensata per toccare nel corso degli anni ogni singola cittadina, è stata realizzata come già detto a San Gemini e, dopo che negli anni precedenti si è tenuta presso Acquasparta e Montecastrilli, è in progetto di organizzarla il prossimo anno ad Avigliano.

Lo scopo della manifestazione è quello di sensibilizzare i più giovani verso la legalità, al fine di sottolineare la grande piaga che le mafie rappresentano nella società attuale, invitandoli, attraverso un lavoro mirato di diversi giorni, ad una riflessione affinché gli orrori del passato possano non essere ripetuti nel futuro.

La riflessione del sindaco Presente all’evento anche il Sindaco Luciano Conti in rappresentanza del comune di Avigliano Umbro. Questa le sue parole: “La manifestazione dello scorso giovedì è linfa vitale per il nostro territorio. La grande partecipazione al corteo ha superato ogni più rosea aspettativa, con più di 1500 persone, tra ragazzini, autorità ed adulti che ne hanno preso parte. Vedere le strade di san Gemini piene di persone significa che la sensibilità per combattere le mafie e qualsiasi tipo di criminalità di tipo mafioso sicuramente nella gente è sentita. Speriamo quindi che le diverse ramificazioni della mafia prendano sempre meno spazio in Italia”. Un cenno infine è stato fatto al futuro della manifestazione, la cui organizzazione con molta probabilità toccherà il prossimo anno ad Avigliano: “Il prossimo anno noi di Avigliano saremo pronti per organizzare una giornata ancora migliore di quella di quest’anno che comunque è stata impeccabile sotto ogni punto di vista. Spero e penso quindi che ci sarà tanta partecipazione, come c’è stata lo scorso giovedì, anche di persone esterne alla scuola”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *